3
Feb
2015
2

La pratica Bioenergetica…una via contro lo stress

Come impatta lo stress sul nostro corpo?

Monique Mizharil, nel suo articolo “Una via contro lo stress”, descrive efficacemente cosa accade:

Ogni tensione muscolare, sia essa cronica (parte cioè della nostra armatura caratteriale), oppure generata da uno stress temporaneo di qualsiasi genere e gravità è un «buco» nella nostra capacità di sentire il nostro corpo, quindi di percepire noi stessi. Nella contrazione, infatti, rimane trattenuta l’energia dell’emozione «pericolosa» che ci siamo negati: di conseguenza, non solo non siamo più in grado di agirla (piangendo, urlando, ridendo, pestando i piedi) ma non siamo neppure più capaci di sentirla: non sappiamo se siamo tristi o arrabbiati, bisognosi di affetto o umiliati.

Ogni tensione muscolare, quindi, è un vuoto nella nostra capacità di percepire noi stessi, un vuoto nel nostro senso di identità.

Il corpo di ogni persona può essere rappresentato come una «mappa dei buchi d’identità» che lo caratterizzano; una mappa, cioè delle parti bloccate, insensibili, tagliate fuori dalla percezione. Poiché si tratta di buchi nella percezione della propria identità corporea ed emozionale, quindi nella consapevolezza della propria realtà, le persone tenderanno a privilegiare l’identificazione con un’immagine ideale di sé, costruita sulla base di«ideali dell’Io» e «illusioni dell’Io».

 

Osservando come si muove la società attuale, estremamente performante, nel mio lavoro riscontro ogni giorno come tutto questo accada in molti di noi. Spesso occorre una terapia individuale (analisi bioenergetica, psicologica ecc.) per portare le persone a disidentificarsi dalle tensioni quotidiane.

La pratica Bioenergetica offre un’opportunità diversa tramite le classi di esercizi antistress.

Queste sono formate da gruppi di persone che, con la guida e l’aiuto di un conduttore, eseguono esercizi specifici volti a sciogliere tensioni e blocchi muscolari nelle diverse aree del corpo. Contrazioni generate da stress temporanei ma anche blocchi cronici, inscritti nell’armatura caratteriale.

Tramite gli esercizi il corpo si libera dalle tensioni, l’energia intrappolata nei muscoli contratti riprende a circolare e l’individuo può rientrare in contatto con quelle parti di sé che si erano chiuse alla sua percezione.

Questo ci aiuta a vivere in “pienezza” la nostra vita.

 

Marinella Boscolo

 

 

2